Amore mio come sei cambiato – Presentazione dell’ultimo libro del Prof. Alberoni

DOVE
SALA SPETTACOLO

QUANDO
28/05/2019
18:00


INGRESSO LIBERO

 Amore mio come sei cambiato presentazione dell’ultimo libro del Prof. Francesco Alberoni, scritto a quattro mani insieme a Cristina Cattaneo, che pone lo sguardo sulla trasformazione delle relazioni amorose fra uomini e donne negli ultimi decenni.

Uomini e donne sono più uguali o più diversi? Cercano nell’altro le affinità o le differenze? E queste affinità o differenze affondano nella natura o nella cultura? E la rivoluzione comunicativa di Internet e dei social come ha cambiato i processi dell’innamoramento e dell’amore? Con un apparato di coinvolgenti case- histories, Alberoni e la giovane ricercatrice Cristina Cattaneo ci portano nelle pieghe più profonde del più profondo e affascinante dei misteri umani.

/Il Libro/ Ha fatto scalpore la notizia delle quattordici donne tutte fidanzate, senza saperlo, con lo stesso ragazzo conosciuto su Facebook. Nessuna dubitava di lui. Tutte si sentivano amate e innamorate a loro volta di quest’uomo speciale. Dopo la rivoluzione sessuale, non è stato solo il web a stravolgere le dinamiche affettive, e molto c’è da comprendere sulle nuove modalità di formazione della coppia e dell’identità sessuale, sui processi del desiderio, sull’intimità e la costruzione di una storia amorosa durevole nel tempo. Molte aree oscure devono essere illuminate da uno sguardo libero da preconcetti ideologici e al contempo attento alle peculiarità di uomini e donne. Mentre per millenni si sono amplificate le differenze fra i due sessi, negli ultimi cinquant’anni si è diffusa l’ideologia dell’uguaglianza. Ma né l’uno né l’altro dei due concetti esemplificano una realtà complessa.

/Francesco Alberoni/ Dopo la Laurea in Medicina nel 1953, studiò psichiatria, con Carlo Berlucchi e Gildo Gastaldi, e statistica stocastica con Giulio Maccacaro, divenendo allievo di Sir Ronald Fisher. Studiò a Milano psicoanalisi con Franco Fornari, matematica e teoria dell’informazione con Guido Bortone, studiando inoltre con padre Agostino Gemelli. Fece ricerche sulla probabilità soggettiva pubblicate sul Journal of General Psycology nel 1959 e nel 1960. Con Alfred McClung Lee studiò mezzi di comunicazione di massa. Fece ricerche sul divismo, che descrisse come pettegolezzo collettivo in una società di massa e con mezzi di comunicazione di massa (L’élite senza potere, Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, 1961). In campo sociologico si occupò in modo sistematico delle discontinuità sociali e del processo per cui l’ordine sorge dal caso, e da qui nacque l’idea guida per la comprensione dei movimenti collettivi. Nelle sue ricerche fu in stretto rapporto con eccellenze del pensiero come Edgar Morin, Roland Barthes, Alain Touraine, Serge Moscovici, Michel Maffesoli, David Riesman, Neil Smelser, Samuel Bellah, Norman Brown e Sasha Weitman, con i quali collaborò partecipando a studi congiunti. È stato membro del consiglio di amministrazione e consigliere anziano facente veci del presidente della RAI (2002-2005). Dal 1982 al 2011 il Corriere della Sera ha ospitato in prima pagina una sua rubrica intitolata “Pubblico e privato”.  Dal 2002 al 2012 ha ricoperto la carica di Presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Ha condotto studi nel campo della Sociologia delle passioni individuali e collettive, e in particolare dei movimenti collettivi e dell’innamoramento. Tra le sue pubblicazioni: Movimento e istituzione; Innamoramento e amore (1979); L’amicizia (1984); L’erotismo (1986); L’altruismo e la morale (1989); Gli invidiosi (1991) seguito da Il volo nuziale (1992); L’ottimismo (1994); Genesi, una straordinaria sintesi di tutto il lavoro sociologico alberoniano; Ti amo (1996) un’opera sistematica sull’innamoramento, la formazione, la durata e la crisi della coppia; La sorgente dei sogni (2000);  La speranza (2002).

INGRESSO LIBERO fino ad esaurimento posti

TUTTI GLI EVENTI IN PROGRAMMA

Share This